A piccoli punti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Benvenuti nel sito "A piccoli Punti"

In questo sito si trova una
raccolta delle mie creazioni.
Potete scrivere pareri o scambiare
le vostre idee, le foto dei vostri lavori
e schemi anche antichi

Iva Innocenti.

Schemi antichi
Il Ricamo - tratto da "Wikipedia"

La parola ricamo indica sia l'attività artigianale del ricamare, sia il prodotto di quell'attività. Tale oggetto è un disegno, una decorazione o un ornamento creato con ago e filo su un tessuto. È un'attività antichissima, ancora oggi praticata, che si sviluppa generalmente come lavoro artigianale (raro e molto costoso), o hobby diffuso in tutto il mondo.
Il mezzo punto croce o mezzo punto, è un punto di base nel ricamo.
Il punto si realizza esattamente come si nomina, e cioè eseguendo il solo giro di andata del punto croce, 1/2 punto croce. Si tratta di un punto inclinato di 45° sul diritto del lavoro attraverso due fili di ordito e due di trama. Ogni punto successivo mantiene l'identica angolazione, direzione e lunghezza.
Prende il nome di piccolo punto quando viene eseguito su canovaccio a filo singolo e gettato a cavallo di un solo filo di trama e uno di ordito del tessuto.
Prende il nome di punto gobelin quando viene eseguito su canovaccio a filo singolo e gettato a cavallo di uno solo dei fili di ordito e due di trama.
Questa tecnica è adatta a ricoprire tratti di tessuti molto estesi e destinati soprattutto agli accessori d'arredamento ed elementi da tappezzeria. Richiede l'uso di un robusto canovaccio in lana o cotone, di filati adatti per robustezza e diametro e, per teli estesi, anche di grandi telai. Oggi questo genere è considerato sorpassato o almeno inusuale, ma fino e la prima metà del XX secolo ebbe grande fortuna soprattutto nelle case patrizie in cui era consigliato per l'educazione delle fanciulle e il passatempo delle signore. Prevedeva l'uso di grandi telai e la composizione di arazzi riproducenti immagini sacre e dipinti famosi.
I prodotti erano a volte autentici capolavori che acquistavano pregio grazie a filati preziosi e ad oculate selezioni dei colori che venivano sapientemente distribuiti.
L'utilizzo si estendeva ad altri oggetti domestici e quindi alla realizzazione di tappezzerie, cuscini e altri oggetti d'arredamento. In questo caso si faceva spesso ricorso a filati sufficientemente grossi e robusti, di lana o di cotone misto a lana, sete e fili dorati per arrivare a coprire omogeneamente tutta la superficie interessata dal ricamo e garantire durata e qualità nel tempo. In queste occasioni il soggetto era di solito floreale, e il disegno più o meno stilizzato.
Il punto croce è una tecnica di ricamo su tela o canovaccio, o lino a trama regolare e larga, infatti i fili devono essere contati e perciò ben visibili in modo da poter individuare piccole zone quadrate (ad esempio 4x4 fili di trama e ordito) su cui stendere il ricamo che delinea le diagonali di quei piccoli riquadri. I disegni vengono a volte copiati da schemi su base quadrettata a colori, o in bianco e nero, in cui i colori sono rappresentati da simboli e sono accompagnati da una legenda.
Esistono in commercio alcuni kit per imparaticcio: piccoli tagli di canovaccio già pronto, colorato a stampa e corredato dai fili richiesti per la lavorazione. Alcuni tessuti già stampati con il disegno per l'esecuzione del ricamo sono destinati anche ad opere più complesse e di grandi dimensioni.
Il punto croce è adatto alla confezionare di quadri, biancheria per la casa, corredini, tende, tovaglie, coperte e ornare accessori personali o d'arredamento.

Quelle che troverete nella pagina "i miei lavori"
sono le mie creazioni.


Iva Innocenti


Alcune mie creazioni
Altre creazioni...
Video sul mezzo punto da "You Tube"
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu